Vai al contenuto della pagina
EMIGRATI E IMMIGRATI DELLA SARDEGNA

Biella: “Sassarini biellesi”, documenti inediti in mostra a Biella

In occasione delle manifestazioni per il centesimo anniversario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale, il Circolo Culturale Sardo di Biella offre alla popolazione biellese e all’Isola di origine, un frammento inedito di storia comune, fondante uno dei miti più solidi della Grande Guerra: la Brigata “Sassari”.
Nel 2008, quando venne inaugurata l’area monumentale di Nuraghe Chervu, nel fare il computo dei Caduti dell’attuale Città di Biella, scoprivamo che i dati riportati sulle lapidi risultavano incompleti.
Nel mentre, il capitano Federico Zorio iniziava la ricerca presso gli Archivi di Stato di Biella e di Vercelli passando in rassegna i fogli matricolari dei mobilitati e chiamati alle armi dal 1874 fino alla leva dell’anno 1900.
Oggi, dopo otto anni di lavoro, grazie a Federico Zorio, siamo in grado di conoscere i nomi dei 3.121 Caduti dell’attuale Provincia di Biella: tra loro, sei emigrati biellesi Combattenti Caduti in Francia nella Legione garibaldina e 22 “Sassarini biellesi” chiamati alle armi. Sette non hanno più fatto ritorno.
A loro, i Sardi del presente dedicano questo lavoro che riproduce i fogli matricolari e i monumenti che ne riportano i nomi, ringraziando Federico Zorio per averne permesso l’identificazione e l’Archivio di Stato di Vercelli la pubblicazione.
L’iniziativa di Su Nuraghe è accreditata quale progetto rientrante nel Programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della Prima Guerra mondiale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale.
Per l’occasione, nella collana “Sinnos” di Su Nuraghe viene pubblicato il catalogo che riproduce fogli matricolari e monumenti biellesi coi nomi dei “Sassarini biellesi”, unitamente alle prime pagine della Domenica del Corriere con le gesta degli eroici sardi, illustrate dal pittore Achille Beltrame.

Apertura fino al 24 giugno 2016 - martedì, venerdì e sabato, dalle ore 21, alle ore 23 - Info 01534638 - Ingresso libero.

Battista Saiu

Locandina dell'evento[file.pdf]
sardegnamigranti@regione.sardegna.it
© 2018 Regione Autonoma della Sardegna