Vai al contenuto della pagina
EMIGRATI E IMMIGRATI DELLA SARDEGNA

Buenos Aires: Concerto di Giulio Biddau

05.09.2018 - Proseguono a Buenos Aires gli appuntamenti con il ciclo Vivacissimo Classica, nell’ambito del quale l’Istituto Italiano di Cultura presenterà al suo pubblico il concerto del giovane Maestro Giulio Biddau.
L’evento è in programma domani, giovedì 6 settembre, alle 18.30, nel Salone Benedetto Croce dell’Istituto, con un programma pensato specificamente per questa occasione: "Questioni di stile". Un percorso articolato in tre binomi nei quali, a ciascun brano novecentesco, corrisponde la fonte che l’ha ispirato. Il primo dittico è Scarlatti-Casella, al quale farà seguito quello di ispirato a Nicola Paganini, composto da Listz e Dallapiccola; chiuderà il concerto il binomio Shubert-Castelnuovo Tedesco.
Attraverso il titolo "Questioni di stile" il Maestro Biddau ha dunque voluto richiamare l’idea della scrittura in stile, molto in voga ai primi del Novecento, ma anche al desiderio dei tre compositori di mantenere un legame con la grande storia della musica.
Giulio Biddau, nato a Cagliari nel 1985, ha intrapreso a dodici anni lo studio del pianoforte con Arlette Giangrandi Eggmann e si è diplomato presso il Conservatorio della sua città. Ha proseguito i suoi studi pianistici a Parigi sotto la guida di Jean Marc Luisada all’École Normale, dove ha ottenuto il Diplome Supérieur de Concertiste, e privatamente con Aldo Ciccolini. In seguito ha conseguito con lode il diploma di perfezionamento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia nella classe di Sergio Perticaroli, per terminare il ciclo di studi alla Hochschule für Musik "Hanns Eisler" di Berlino con Fabio Bidini e privatamente a Parigi con Dominique Merlet.
Laureato di prestigiosi concorsi internazionali, fra cui il Concorso Casagrande di Terni, il Tbilisi International Piano Competition, Iturbi di Valencia, la vittoria del Primo Premio al Concorso "Les Nuits Pianistiques – Lauréats SPEDIDAM" di Aix-en-Provence lo porta ad essere invitato da alcuni dei più importanti festival francesi, tra cui il Festival Radio France di Montpellier, il Festival Pablo Casals e il Festival Piano en Valois.
Ha tenuto numerosi concerti, suonando in Italia per istituzioni quali l’Accademia di Santa Cecilia a Roma, il Teatro Lirico di Cagliari, Festival Dino Ciani a Cortina, Teatro Verdi di Trieste, il Politeama di Palermo; in Francia alla Salle Cortot di Parigi, al Grand Theatre de Provence di Aix-en-Provence, a Pontoise, Nancy, Rouffach, Gerberoy e poi in Spagna al Palau de la Musica di Valencia e a Leon, in Germania, al Konzerthaus di Berlino, e ancora Slovenia, Regno Unito, Austria, Svezia, Cina (Oriental Art Center di Shanghai e Auditorium della Tsinghua University di Pechino), Argentina, Colombia, Cile e Australia. È stato insignito del premio nel maggio scorso con il "Premio Estìmulo" dell’Associazione dei critici musicali argentini.
È stato diretto da Lawrence Foster, François-Xavier Roth, Tan Dun, Damian Iorio, Silvia Massarelli, Filippo Maria Bressan e altri, ha suonato con orchestre prestigiose quali l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia, Konzerthausorchester Berlin, Brandenburgische Staatsorchester Frankfurt, Orchestre National de Montpellier, Orchestra del Palau de la Musica di Valencia, Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, Milton Keynes City Orchestra, Les Siècles, Sinfonica Siciliana, Orchestra di Padova e del Veneto, Sinfonica Abruzzese, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Tbilisi Symphony Orchestra etc.
All’attività di solista ha sempre accompagnato la musica da camera, con prestigiosi cantanti e strumentisti, fra cui il mezzo-soprano Monica Bacelli e la violinista Anna Tifu.
Il suo impegno nella musica contemporanea l’ha visto protagonista della creazione del Banquet Concerto di Tan Dun per pianoforte coro e orchestra, commissionato dall’Accademia di Santa Cecilia. Le sue esecuzioni di brani contemporanei, fra cui l’integrale per pianoforte di Henri Dutilleux e alcune prime esecuzioni di Stefano Gervasoni, sono state trasmesse da Rai Radio3, France Musique, ABC Australia e la televisione giapponese NHK.
La sua discografia include l’integrale delle Barcarole di Gabriel Fauré (2012 – Aparté) e l’opera di Ottorino Respighi per pianoforte a quattro mani, registrata insieme a Norberto Cordisco Respighi (2017 – Évidence).

sardegnamigranti@regione.sardegna.it
© 2018 Regione Autonoma della Sardegna