Vai al contenuto della pagina
EMIGRATI E IMMIGRATI DELLA SARDEGNA

Una rete di donne mediatrici nell'area mediterranea: Alla Farnesina il lancio del Network con il Ministro Alfano

24.10.2017 - Giovedì prossimo, 26 ottobre, si terrà alla Farnesina la conferenza di lancio del “Mediterranean Women Mediators Network”. L’evento, organizzato in collaborazione con IAI (Istituto Affari Internazionali) e WIIS (Women in International Security Italy), vedrà la partecipazione del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, del Presidente dello IAI, Nathalie Tocci, e del Presidente di WIIS, Irene Fellin.
Aprirà i lavori il Direttore Generale Affari Politici e Sicurezza della Farnesina, Luca Giansanti. Interverranno tra gli altri rappresentanti di African Women Mediators for Peace, The Nordic Women Mediators Network, del Servizio di Azione Esterna dell’Unione Europea e dell’OSCE.
L’iniziativa per una Rete di Donne Mediatrici nell’area Mediterranea nasce con l’obiettivo di rispondere al bisogno di aumentare il numero di donne coinvolte nel lavoro di peacemaking e a facilitare l’assegnazione di incarichi a donne mediatrici a livello locale e internazionale.
Il progetto è anche volto a ridurre le limitate capacità di fare rete nell’area Mediterranea, non interamente coperta dalle attuali reti di donne mediatrici.
Considerato che la stabilità nel Mediterraneo è un prerequisito per la sicurezza nell’intera regione, con il suo complesso contesto socio-culturale, le donne mediatrici possono portare conoscenze strategiche e contribuire alla risoluzione dei conflitti e a una pace duratura.
L’iniziativa può fungere da catalizzatore per il lavoro di mediazione nelle crisi in corso e potenziali, nei processi di stabilizzazione post-conflitto e nel rafforzare la sinergia e il coordinamento tra le iniziative esistenti. La Rete si adopererà anche per un approccio coerente in stretta collaborazione con l’ONU e il registro degli e delle esperti/e mediatori/trici gestito dall’UNDPA. (aise)
sardegnamigranti@regione.sardegna.it
© 2021 Regione Autonoma della Sardegna